Ultima

Via Francigena in bicicletta: da Lucca a Roma

La Via Francigena in bicicletta, da Lucca a Roma, un viaggio che unisce due tra le più belle città toscane, passando per alcuni borghi straordinari: in alcuni casi più conosciuti, come San Gimignano e Monteriggioni, in altri casi meno noti ma forse per questo più interessanti e sorprendenti, come San Miniato e Colle val d’Elsa, fino a giungere alla città eterna: Roma. 
Il paesaggio varia dalla piana industriale di Lucca alle colline della Val d’Elsa, dove il moderno viandante può immergersi in atmosfere che rievocano il pellegrinaggio medievale, tra pievi millenarie e selciati antichi, prima di proseguire lungo le leggendarie strade bianche senesi per chilometri e chilometri, attraversando la Val d’Arbia e la Val d’Orcia, icone del paesaggio toscano. Visiterete borghi meravigliosi come Bagno Vignoni, con l’enorme piscina termale al centro della piazza, e Radicofani, la cui rocca domina la Toscana meridionale.
Sarete continuamente tentati di posare la bicicletta e concedervi una degustazione di prodotti tipici: passerete dalle vigne del Brunello di Montalcino, uno dei migliori vini italiani, e le zone di produzione del cacio di Pienza, prima di entrare in una delle più importanti aree di produzione dell’olio extravergine d’oliva, tra Bolsena e Montefiascone.
Ma le sorprese non sono finite, dal suggestivo centro medievale di Viterbo, con un intero quartiere dedicato al pellegrino, alle antiche strade etrusche, all’anfiteatro romano di Sutri, interamente scavato nel tufo, alla bellissima pista ciclabile che vi porta fino al cuore di Roma, costeggiando il fiume Tevere fino alla metà: Piazza San Pietro.

Programma
1° giorno Arrivo individuale a Lucca
Lucca è una cittadina dal centro storico incantevole, ricco di attrattive: vi consigliamo di godervi una passeggiata lungo le mura cinquecentesche, ammirando il panorama circostante, prima di salire fino alla sommità della torre Guinigi per scoprire come possano crescere là in cima gli alberi di Leccio. Rifocillatevi con una merenda a base di Bucellato, prima di visitare lo splendido Duomo. Dopo cena, andate ad ammirare la piazza Anfiteatro illuminata, un’ellisse formata da case variopinte e popolata da ristorantini e botteghe artigiane.

2° giorno Lucca – San Miniato 47 km
Un percorso facile e pianeggiante vi condurrà dalle mura di Lucca al centro storico di Altopascio, passando per la Badia di Pozzeveri, dove gli antichi pellegrini sostavano per riposarsi e pregare. Ad Altopascio non potete perdervi il famoso pane locale: gustatelo ai piedi della Torre Campanaria, il cui rintocco, unito ad un fuoco acceso sulla terrazza, guidava i pellegrini in viaggio verso la città.
Lasciando Altopascio percorrerete uno splendido tratto del selciato originale della Via Francigena, immerso tra i boschi. Lasciatevi affascinare dal territorio selvaggio delle Cerbaie, prima di superare il fiume Arno e proseguire verso San Miniato. Il Seminario che dà nome alla piazza principale vi stupirà con la sua particolare facciata: godetevelo illuminato, magari dopo aver gustato un risotto spolverato dal tipico tartufo bianco, orgoglio locale.

3° giorno San Miniato – San Gimignano 42,2 km
Vi attende una tappa impegnativa, ma di una bellezza paesaggistica unica. Da San Miniato scenderete nel fondo della Val d’Elsa per poi risalire verso Gambassi Terme, dove potrete varcare la soglia della millenaria Pieve di Chianni e godervi un salutare bagno nelle terme di Gambassi, circondate da un parco di alberi secolari.
Proseguirete il viaggio pedalando tra splendidi pesaggi naturali  fino a San Gimignano, una delle città più belle della Via Francigena: pregusterete l’arrivo avvistando le sue famose torri medievali, che rendono il suo skyline inconfondibile. Non perdetevi la vista sulla città medievale e sulle vallate circostanti dall’alto della Torre Grossa, o se le energie non vi hanno abbandonato avventuratevi sulla scalinata della Rocca di Montestaffoli per un panorama ancora più speciale.

4° giorno San Gimignano – Siena 51 km
Da San Gimignano proseguirete lungo saliscendi tra le colline Toscane verso Colle Val d’Elsa, che vi riporterà indietro nel tempo, con il suo suggestivo centro storico e gli stretti vicoli che si snodano tra mura di pietra.
Da qui si apre uno dei tratti più belli della Via Francigena: un percorso meditativo, lungo il quale potrete immergervi nel silenzio della Pieve di Strove, o raccogliervi nella quiete della splendida Abbadia a Isola, con la sua imponente abbazia. Rimarrete senza fiato nello scorgere il castello di Monteriggioni, con la sua corona di torri, eretto su di una collina a difesa dell’antica repubblica Senese. Non perdetevi un giro sulle mura per ammirare il panorama circostante prima di proseguire verso Siena e varcare porta Camollia, il tradizionale ingresso Francigeno al centro storico. Un modo indimenticabile per festeggiare? Un piatto di pici all’aglione in piazza del Campo illuminata. E non dimenticate il panforte!

5° giorno Siena – San Quirico d’Orcia 54 km
Auguratevi che la prima giornata del vostro viaggio sia illuminata dal sole, perchè i Crinali della Val d’Arbia offrono panorami indimenticabili: dopo aver salutato Siena, adagiata sulle colline all’orizzonte, percorrerete tranquille strade secondarie fino a Monteroni d’Arbia, dove potrete ammirare l’imponente Grancia di Cuna, una fattoria fortificata che custodiva le riserve di grano destinate alla repubblica Senese.
Continuerete il vostro viaggio attraverso la Valle dell’Ombrone fino a Buonconvento. Varcherete la porta d’entrata delle mura fortificate e vi immergerete nel bel centro storico del borgo, scoprendo perchè il suo nome significa “luogo felice e fortunato”, prima di rimettervi in sella verso San Quirico, attraverso strade bianche e alcuni tratti asfaltati: questi saranno però compensati dai suggestivi panorami della Val D’Orcia, tra colline  costellate di vigneti e cipressi. A San Quirico potrete incantarvi davanti al portale della Collegiata, giocando a riconoscere i diversi stili architettonici che si fondono nelle sue decorazioni, prima di concedervi un pò di riposo tra le verdi siepi degli Horti Leonini, un incantevole giardino del ‘400.

6° giorno San Quirico d’Orcia – Radicofani 36 km
Continuerete il vostro viaggio attraverso i panorami da sogno della Val D’Orcia: poco oltre San Quirico entrerete in un mondo senza tempo visitando Vignoni Alto, e potrete concedervi una pausa rigenerante nelle acque termali di Bagno Vignoni.
Una salita impegnativa vi porterà fino a Radicofani: tenete duro, perchè ammirare il panorama dalla fortezza di Radicofani, stanchi ma soddisfatti, ripagherà tutti i vostri sforzi. Potrete visitare anche la Pieve di San Pietro, piccolo gioiello risalente al 1200, e fare una passeggiata serale nel suo centro storico, ammirando la magia della Rocca illuminata.

7° giorno Radicofani – Bolsena 51 km
Da Radicofani vi metterete in viaggio verso una delle tratte più emozionanti della Via Francigena, lasciando la rocca alle vostre spalle e viaggiando sulla vecchia Via Cassia, circondati da un paesaggio di colline sconfinate sormontato dal Monte Amiata. Potrete camminare nel silenzio della cripta romanica sotto la Basilica del Santo Sepolcro di Acquapendente, tra capitelli decorati e giochi di archi: qui  secondo la tradizione sarebbero conservate alcune pietre bagnate dal sangue di Cristo.
Il vostro viaggio proseguirà tranquillo fino ai primi scorci sul lago di Bolsena: da qui scenderete nell’antico cratere vulcanico e proseguirete lungo strade sterrate, alternando fitti boschi a prati puntellati di ulivi, fino a Bolsena. Se siete curiosi di vedere le prove del miracolo del Corpus Domini, per cui è Bolsena è famosa, nella Cappella del Miracolo sono custodite alcune lastre di marmo macchiate dal sangue sgorgato da un’ostia nel 1200. Se invece siete più interessati alla cucina tipica, potrete assaggiare i prodotti offerti dal lago, come la Sbroscia, una zuppa tipica con pesce lacustre e pomodoro.

8° giorno Bolsena – Viterbo 33 km
Proseguirete tra boschi e uliveti, su un percorso che vi regalerà continui panorami sul lago: attraverserete una celebre zona di produzione dell’Olio Extravergine di Oliva, prima di posare la bicicletta per provare l’emozione di camminare sugli antichi basolati della Cassia, calcati prima di voi da pellegrini di ogni secolo e provenienza, per arrivare a Montefiascone: imperdibile la salita alla Torre dei Pellegrini, dove rimarrete incantati di fronte ad un panorama sconfinato. Scesi dalla Torre, potrete infilarvi in una tipica enoteca e gustare un bicchiere di Est!Est!!Est!!!, che qui è ancora più buono perchè a km zero.

9° giorno Viterbo – Sutri 38 km
Da Viterbo il viaggio prosegue verso Vetralla, borgo nel cuore dell’antico territorio Etrusco, prima di giungere alla piccola ma preziosa Sutri attraverso il verde paesaggio laziale. L‘anfiteatro romano è imperdibile. Scegliete se sedervi sugli spalti o conquistare la scena, ma uscendo ricordatevi di firmare il registro dei visitatori, scambiando qualche chiacchiera con il custode. In seguito dirigetevi alla chiesa di Santa Maria del Parto, le cui pareti di tufo sono decorate da affreschi ben conservati. Cercate tra le immagini il gruppo di pellegrini, ritratti in preghiera con i loro bastoni in mano.

10° giorno Sutri – Formello 34 km 
Da Sutri proseguirete verso Formello: nel corso del viaggio costeggerete le cascate di Monte Gelato, dove potrete fermarvi per prendere un po’ di fresco. Attraverso una strada panoramica arriverete alle porte di Campagnano: qui potrete riposarvi nel Parco Venturi, casa di un Tasso trecentenario che i locali chiamano “Albero della Morte”: ma non preoccupatevi, potrete sdraiarvi alla sua ombra senza alcun pericolo! Si raggiunge infine Formello, il cui centro storico presenta bei palazzi medievali.

11° giorno Formello – Roma 34 km
Rimontate in sella e avviatevi nell’ultima tappa che vi separa dalla Città Eterna. La tappa vi permette di pedalare tra le campagne laziali, non direste mai di essere così vicini alla metropoli. Dovrete superare un breve tratto di strade un po’ più trafficate del solito, per raggiungere la pista ciclabile del Fiume Tevere, un meraviglioso percorso slow che vi condurrà fino alle porte della Città del Vaticano, dove concluderete il viaggio in Piazza San Pietro.
Non dimenticate una foto trionfale davanti alla Basilica, prima di festeggiare la fine del viaggio rifocillandovi con abbacchio, pecorino romano, e magari un bel maritozzo alla con la panna… ve lo siete meritato!

12° giorno Roma; termine del viaggio dopo colazione

Caratteristiche
Tipo di viaggio:  individuale
Partenze:  minimo due persone; ogni giorno dal 1/4 al 31/10
Durata del viaggio:  12 giorni/11 notti
Livello di difficoltà: medio
Il tour comincia in pianura per poi proseguire su percorsi collinari e strade bianche e terminare su pista ciclabile.
Km totali:  420
Tipo di bici: city bike o da turismo (mezzo proprio o noleggiato)
Trasporto bagagli da albergo ad albergo: a cura dell’organizzatore
Possibilità di personalizzare il viaggio  

Quota individuale di partecipazione per l’anno 2020: Euro 1.182,00

La quota comprende
– Sistemazione in camera doppia, in hotel 3 stelle, b&b e agriturismi
– Trattamento di pernottamento e prima colazione
– Trasporto bagagli da una struttura all’altra
– Carte e descrizione dettagliata dell’itinerario
– Assicurazione medico/bagaglio 24 ore su 24
– Supporto telefonico d’emergenza anche il sabato e la domenica
– Quota d’iscrizione

La quota non comprende
– Il viaggio per raggiungere le località di ritrovo e ritorno
– Pranzi e cene
– Le visite e gli ingressi
– Le mance e gli extra in genere di carattere personale
– Tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Supplementi per persona

Media stagione (3/5 – 21/6, 1/10 – 18/10)Euro 18,00
Alta stagione (1/4 – 2/5, 15/9 – 30/9)Euro 30,00
Altissima stagione (21/8 – 14/9)Euro 37,00
Camera singolaEuro 335,00
Singolo viaggiatore (incluso supplemento singola)Euro 360,00
Noleggio biciclettaEuro 230,00
Noleggio bicicletta elettricaEuro 380,00
Noleggio borse da biciEuro 55,00
Noleggio cascoEuro 35,00

A richiesta
Assicurazione annullamento viaggio: 5% del costo del viaggio
Notti aggiuntive
Preventivi per gruppi precostituiti

Per informazioni e prenotazioni invia una mail a
umberto.spanu54@gmail.com

Terra di Siena in bicicletta

Un viaggio memorabile in una delle più belle regioni d’Italia: la Toscana, che ogni anno attira visitatori da tutta Europa molti dei quali hanno addirittura scelto di restarvi per sempre, affascinati dai suoi dolci paesaggi collinari, dai suoi tesori d’arte, dalla raffinatezza della sua cultura, dai suoi vini e  dalla sua deliziosa, rustica cucina. L’itinerario passa per la Val d’Elsa, il Chianti, la Val d’Arno, Valdorcia, le Crete, la via Francigena, fra vigneti e bellissime colline. Si pedala lungo deliziose stradine in dolce saliscendi, toccando Certaldo, paese natale del Boccaccio, la bella S.Gimignano dalle cento torri, Volterra antichissima e singolare città che sorge sulla sommità di un colle al centro di un paesaggio indimenticabile, Siena con la straordinaria Piazza del Campo, il Duomo e le sue caratteristiche vie medievali su cui si affacciano splendidi palazzi nobiliari.

Programma
1° giorno Arrivo individuale a Siena.

2° giorno Siena – Brolio – Castelnuovo Berardenga – Asciano  ca. 49 Km – disl. 830 mt
Caratteristiche: percorso in saliscendi attraverso il Chianti Senese e le Crete, 13 km di sterrato in buono stato
Motivi di interesse storico-artistico: il castello di Brolio, il borgo di Villa a Sesta, il centro abitato di Asciano
Motivi di interesse naturalistico: il panorama del Chianti con le sue vigne ed i suoi boschi che come d’ incanto si tramuta nel paesaggio più crudo delle Crete.

3° giorno Asciano – Monte Oliveto – San Giovanni d’Asso – Pienza  ca. 52 Km – disl. 800 mt.
Caratteristiche: 12 km su sterrato, il resto su strade asfaltate dal traffico inesistente tra le Crete e la Valdorcia
Motivi di interesse storico-artistico: Il complesso monastico di Monte Oliveto, il borgo medioevale di San Giovanni d’Asso, il monastero di S.Anna a Camprena e Pienza, la città gioiello del Rinascimento.
Motivi di interesse naturalistico: altro cambio di carattere del territorio via via che ci si affaccia sulla Valdorcia

4° giorno Pienza – S.Quirico – Montalcino – Buonconvento – Murlo  ca. 56 Km – disl. 750 mt.
Caratteristiche: 15 km di sterrato , il resto asfalto.
Motivi di interesse storico-artistico: il centro storico di S.Quirico, la città di Montalcino, il piccolo borgo medioevale di Murlo.
Motivi di interesse naturalistico: gli ampi panorami su campi di grano e cipressaie ed il passaggio nella Valdarbia.

5° giorno Murlo – Radi – Sovicille – Monteriggioni – Colle Val d’Elsa  ca. 64 Km – disl. 680 mt.
Caratteristiche: misto asfalto/sterro verso la Montagnola e la Valdelsa, sulle tracce della Via Francigena.
Motivi di interesse storico-artistico: la cinta muraria di Monteriggioni ed il centro storico di Colle Vald’Elsa.

6° giorno Colle Val d’Elsa – Casole d’ Elsa – Ulignano  – Volterra  ca. 47 Km – disl. 1110 mt.
Caratteristiche: in larga parte su asfalto, ultimi chilometri in salita per raggiungere Volterra.
Motivi di interesse storico-artistico: il centro abitato di Casole d’ Elsa e
Volterra.
Motivi di interesse naturalistico: i panorami che spaziano dalla Val di Cecina alla Valdelsa.

7° giorno Volterra – Il Castagno – San Gimignano – Certaldo – trasferimento in treno a Siena  ca. 47 Km – disl. 600 mt.
Caratteristiche: interamente su asfalto; rientro a Siena con il treno da Certaldo.
Motivi di interesse storico-artistico: la città di San Gimignano ed il centro storico di Certaldo.
Motivi di interesse naturalistico: il panorama sulle colline della Valdera.

8° giorno Siena. Termine del viaggio dopo colazione 

Caratteristiche
Tipo di viaggio: individuale
Partenze:  minimo 2 persone
STANDARD: ogni giorno dal 1 marzo al 15 ottobre
DELUXE: ogni giorno dal 28 marzo al 10 ottobre 
Nei giorni del “Palio” (2 luglio e 16 agosto) il tour potrebbe non essere disponibile.
Durata del viaggio:  8 giorni/7 notti
Livello di difficoltà:  medio
La caratteristica della campagna toscana è la collina: pertanto i percorsi sono quasi sempre ondulati, con saliscendi mai impegnativi; solo in brevi tratti la strada presenta una pendenza più ripida. Difficoltà medio-facile, il tracciato è prevalentemente su asfalto;  gli sterrati sono in buone condizioni, ci sono dai 5 ai 15 km di sterrato ogni giorno: il percorso non è adatto a ragazzi sotto i 12 anni.
Km totali:  315
Tipo di bici:  city bike o da turismo (mezzo proprio o noleggiato)
Trasporto bagagli da albergo ad albergo: a cura dell’organizzatore
Possibilità di personalizzare il viaggio  
Possibilità di trasformazione in viaggio con accompagnatore: (minimo 10 persone)

Quota individuale di partecipazione per l’anno 2020: Euro 750,00 (Formula standard)
Quota individuale di partecipazione per l’anno 2020: Euro 850,00 (Formula de luxe)

La quota comprende
Formula standard: sistemazione in camera doppia, 6 notti in hotel 3 stelle
e 1 notte in hotel 4 stelle
Formula deluxe: sistemazione in camera doppia, 6 notti in hotel 4 stelle
e 1 notte in hotel 3 stelle con piscina
– Trattamento di pernottamento e prima colazione
– Trasporto bagagli da albergo ad albergo
– Materiale informativo, carte e descrizione dettagliata dell’itinerario
– Assicurazione medico/bagaglio 24 ore su 24
– Supporto telefonico d’emergenza anche il sabato e la domenica
– Quota d’iscrizione

La quota non comprende
– Il viaggio per raggiungere la località di ritrovo
– Il treno da Certaldo a Siena
– I pranzi e le cene
– Le bevande ai pasti
– Le visite e gli ingressi
– Le mance e gli extra in genere di carattere personale
– Tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Supplementi per personaFormula StandardFormula Deluxe
Camera singolaEuro 180,00Euro 245,00
Noleggio biciclettaEuro 135,00Euro 135,00
Noleggio bicicletta elettricaEuro 250,00Euro 250,00
Alta stagione (10/4 – 31/8)Euro 40,00Euro 45,00

A richiesta
Assicurazione annullamento viaggio: 5% del costo del viaggio
Notti aggiuntive a Siena
Parcheggio auto
Accompagnatore in bicicletta
Preventivi per gruppi precostituiti

Per informazioni e prenotazioni invia una mail a
umberto.spanu54@gmail.com

La Versilia in bicicletta

La Versilia, terra colta e divertente, è nota a molti per le cronache mondane. Ma questo braccio di terra in provincia di Lucca, che si estende tra le pendici delle Alpi Apuane e il Parco di San Rossore, è famoso per le spiagge che ospita. Tra Forte dei Marmi e Viareggio, tipiche del litorale versiliese sono infatti le lunghe spiagge di sabbia finissima e le peculiari dune costiere, soprattutto tra Viareggio e Torre del Lago. Note sono anche le località di villeggiatura che la punteggiano: l’esclusiva Forte dei Marmi, la ridente Viareggio, Marina di Pietrasanta e il Lido di Camaiore

Programma
1° giorno Arrivo individuale a Viareggio
Sistemazione in albergo e incontro con la guida; prima di cena o dopocena , a seconda dell’ arrivo , sarà possibile fare una passeggiata sul lungomare liberty sino al molo, dove in serata si può apprezzare lo skyline di tutta la Versilia illuminata.

2° giorno Viareggio – Pietrasanta – Forte dei Marmi e ritorno, 50 km ca.
Al mattino seguiamo la ciclabile fino a Pietrasanta oppure a Camaiore, per poi tornare sui nostri passi e proseguire per Forte dei Marmi per mangiare qualcosa di leggero : lungo la strada parleremo di D’Annunzio e della Duse che soggiornavano nella villa Versiliana a Marina di Pietrasanta , della Capannina , il locale più antico al mondo dove si fa musica (risale all’anno 1929) e della ormai decaduta Bussola, dove si sono esibiti i più grandi musicisti sino alla fine degli anni 70, (dove Mina ha dato gli ultimi concerti). Dopo avere trascorso il tempo necessario in spiaggia libera a Forte dei marmi, per una tintarella o un bagno ristoratore, torneremo a Viareggio per la cena ed il dopocena.

3° giorno Viareggio – Massaciuccoli e ritorno, 30 km ca.
In bici entreremo dentro il parco naturale di Massaciuccoli-San Rossore e seguendo il balipedio lungo il mare arriveremo sino alla foce del fiume Serchio dove si addestravano i sommozzatori dei motosiluranti a lenta corsa (maiali), visiteremo poi il lago di Massaciuccoli (sponda Torre del lago), dove riposa Giacomo Puccini e, dopo il tempo necessario per un bagno in mare e la tintarella, torneremo a Viareggio lungo il viale dei Tigli. Rientro a casa nel pomeriggio.

Caratteristiche
Tipo di viaggio: con accompagnatore anche solo per 2 persone
Partenza: minimo 2 persone; ogni venerdì dal 6 marzo al 16 ottobre, eccetto luglio e agosto
Durata del viaggio: 3 giorni/2 notti
Livello di difficoltà: facile
Km totali:  80 ca.
Tipo di bici:   city bike (mezzo proprio o noleggiato)
Incontro informativo/briefing 

Quota individuale di partecipazione per l’anno 2020: Euro 330,00

La quota comprende
– Sistemazione in hotel 2 stelle in camera doppia
– Trattamento di mezza pensione (prima colazione e cena)
– Accompagnatore in bicicletta
– Assicurazione medico/bagaglio 24 ore su 24
– Supporto telefonico d’emergenza anche il sabato e la domenica
– Quota d’iscrizione

La quota non comprende
– Il viaggio A/R per Viareggio
– I pranzi
– Le bevande ai pasti
– Le visite e gli ingressi
– Le mance e gli extra in genere di carattere personale
– Tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Supplementi per persona
Camera singola quotazione su richiesta
Noleggio bicicletta Euro 30,00

A richiesta
Assicurazione annullamento viaggio: 5% del costo del viaggio
Notti aggiuntive a Viareggio
Preventivi per gruppi precostituiti

Per informazioni e prenotazioni invia una mail a
umberto.spanu54@gmail.com

Dolomiti e lago di Garda in bicicletta

Dalle Dolomiti del Nord-Est questo percorso ciclabile conduce attraverso la Val Pusteria, da Bressanone a Brunico. Le biciclette poi punteranno verso Bolzano, capoluogo dell’Alto Adige, dove potete visitare il famoso “Ötzi”. Dopo raggiungete la città termale di Merano con la sua atmosfera mediterranea. Lungo il fiume Adige si pedalerà fra frutteti e verdi altipiani finché si giungerà prima a Trento e poi sulle rive del Lago di Garda.

Programma
1° giorno Arrivo a Bressanone

2° giorno Bressanone – transfer a Dobbiaco – Brunico ca. 30 km
In mattinata transfer a Dobbiaco, consegna bici e documenti di viaggio.
La ciclabile ci permette di passare attraverso la famosa Val di Braies, che si estende verso sud. Dopo aver superato il lago di Valdaora, si procede seguendo il fiume Rienza fino a Brunico, che ha dato i natali al pittore Michael Pacher.

3° giorno Brunico – Chiusa ca. 50/55 km
Si pedala attraverso la valle dell’Isarco, la destinazione odierna è Chiusa.

4° giorno Chiusa – Bolzano ca. 30 km
Proseguiamo lungo la valle dell’Isarco, passando per il paesino di Ponte Gardena. La tappa si conclude a Bolzano, dove passeremo due notti.

5° giorno Bolzano – Merano – Bolzano ca. 40 km
Al mattino raggiungiamo Merano in treno; da qui scendiamo lungo il corso dell’Adige fino a tornare a Bolzano.

6° giorno Bolzano – Trento ca. 65/70 km
Oggi possiamo scegliere se seguire la ciclabile dell’Adige o il percorso che passa da Caldaro; i due percorsi si ricongiungono a Salorno, dove finisce la provincia di Bolzano ed inizia quella di Trento; in breve raggiungiamo il capoluogo.

7° giorno Trento – Riva del Garda/Torbole ca. 45 km
Passiamo da Rovereto, dove una volte si trovava il confine con il Tirolo, lasciamo la valle dell’Adige e superiamo il passo di San Giovanni (287m) e scendiamo sul lago fino a Riva del Garda.
8° giorno Riva del Garda/Torbole, termine viaggio dopo colazione

Caratteristiche
Tipo di viaggio:  individuale
Partenze:  ogni mercoledì e domenica dal 19/4 al 4/10 (eccetto dal 5/8 al 22/8); altre date a scelta per un minimo di 5 persone
Durata del viaggio:  8 giorni/7 notti
Livello di difficoltà:  facile
Il viaggio si svolge principalmente su piste ciclabili, strade secondarie ed in parte su sterrati percorribili con biciclette tipo city-bike. L’itinerario è per tutti e adatto a famiglie con bambini a partire da 14 anni; c’è una sola salita impegnativa l’ultimo giorno.
Km totali:  260/270
Tipo di bici:  city bike o da turismo (mezzo proprio o noleggiato)
Trasporto bagagli da albergo ad albergo: a cura dell’organizzatore
Incontro informativo/briefing nel primo hotel 
Possibilità di personalizzare il viaggio  

Quota individuale di partecipazione per l’anno 2020: Euro 679,00

La quota comprende
– Sistemazione in hotel 3/4 stelle in camera doppia
– Trasporto bagagli da albergo ad albergo
– Transfer Bressanone – Dobbiaco (bici inclusa)
– Treno da Bolzano a Merano (bici inclusa)
– Materiale informativo, carte e descrizione dettagliata dell’itinerario
– Assicurazione medico/bagaglio 24 ore su 24
– Supporto telefonico d’emergenza anche il sabato e la domenica
– Quota d’iscrizione

La quota non comprende
– Il viaggio per raggiungere le località di ritrovo e ritorno
– I pranzi e le cene
– Le bevande ai pasti
– Le visite e gli ingressi
– Le mance e gli extra in genere di carattere personale
– Tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Supplementi per persona
Camera singola Euro 169,00
Alta stagione (dal 20/06 al 12/09) Euro 75,00
Noleggio bicicletta Euro 85,00
Noleggio bicicletta elettrica Euro 180,00
Ritorno alla località di partenza a fine del tour (solo domenica, bici inclusa,  da prenotare in anticipo) Euro 64,00

A richiesta
Assicurazione annullamento viaggio: 5% del costo del viaggio
Notti aggiuntive a Bressanone e Riva del Garda
Preventivi per gruppi precostituiti

Per informazioni e prenotazioni invia una mail a
umberto.spanu54@gmail.com

Le bellezze del Canavese in bicicletta

Questo percorso ci porta in uno sconosciuto Piemonte, ma non per questo minore. Si parte dal lago Maggiore, il più grande in Piemonte, e si percorrono le strade dei vigneti del famoso vino Gattinara. Quindi ecco un altro lago più piccolo, il lago di Viverone. Siamo nella zona dei castelli, tutti inerpicati sulle colline. Si pedala però ai piedi delle montagne aggirando la Serra di Ivrea, una straordinaria collina morenica, poi si attraversano Cuorgnè e Lanzo, cittadine medioevali con tanta storia alle spalle. Infine Venaria Reale, dove si possono ammirare e visitare la Reggia e i suoi Giardini, paragonabili – infatti risalgono allo stesso periodo – alla Reggia di Versailles.  Infine si arriva a Torino lungo una bellissima pista ciclabile lungo il fiume Dora. Ad Alpignano potrà essere possibile visitare il museo dell’inventore italiano della lampadina, Cruto.
Il tour fa parte del percorso Bicitalia 12, la rete ciclabile italiana che attraversa tutte le regioni.

Programma
1° giorno Arrivo individuale a Ranco (lago Maggiore)

2° giorno Ranco – Gattinara ca. 50 Km
Si parte dal lago maggiore verso le colline della Valsesia, fino a raggiungere il centro medievale di Borgomanero; arrivati al fiume Sesia, siamo quasi in vista di Gattinara, sede di un’enoteca regionale dove si può gustare il famoso vino DOCG che porta il nome della città.

3° giorno Gattinara – lago di Viverone  ca. 62 Km
Lungo il percorso merita una sosta il ricetto di Candelo, antica fortificazione medievale splendidamente conservata,al cui interno si trovano numerose botteghe artigiane; a Biella, possiamo salire fino alla città alta, per ammirare il panorama e per una sosta di metà giornata, per poi ripartire alla volta del lago di Viverone.

4° giorno lago di Viverone – Ivrea – laghi di Ivrea – Cuorgnè  ca. 53 Km
Siamo all’interno della serra morenica formata dal ghiacciaio, la collina più lunga, massiccia dritta d’Europa; ci dirigiamo verso Ivrea, il “capoluogo” del Canavese; al centro della città si trova la collina su cui sorge il castello del 1300. Prima di raggiungere Cuorgnè, possiamo ancora visitare il castello di Castellamonte.

5° giorno Cuorgnè – Lanzo – Venaria  ca. 60 Km
Oggi visitiamo due graziosi centri medievali ai piedi delle montagne; Valperga e Rivara, dove si trovano due imponenti castelli; prima di raggiungere Venaria, che ci attende con la sua splendida reggia, facciamo ancora una sosta a Lanzo, rinomata per le sue specialità gastronomiche, i Torcetti e i Grissini.

6° giorno Venaria – Reggia di Venaria – Alpignano – Torino  ca. 28 Km
Possiamo trascorrere la mattinata per visitare (non compreso nella quota) la Reggia di Venaria, uno dei palazzi reali più vasti d’Italia; quindi attraversiamo il grande parco della Mandria e giungiamo infine a Torino. La città è ricca di monumenti, musei e parchi verdì, ed è la meta ideale per trascorrere l’ultimo giorno del nostro viaggio.

7° giorno Torino, termine viaggio dopo colazione

Caratteristiche
Tipo di viaggio:  individuale
Partenze:  minimo 2 persone; ogni sabato dal 14 marzo al 26 settembre; altre date a richiesta per un minimo di 4 persone
Durata del viaggio:  7 giorni/6 notti
Livello di difficoltà: medio/facile
Percorso leggermente ondulato.
Km totali:  253
Tipo di bici:  city bike o da turismo (mezzo proprio o noleggiato)
Trasporto bagagli da albergo ad albergo:  a cura dell’organizzatore
Possibilità di personalizzare il viaggio  
Possibilità di trasformazione in viaggio con accompagnatore  si (minimo 10 persone)

Quota individuale di partecipazione per l’anno 2020: Euro 670,00

La quota comprende
– Sistemazione in hotel 3 stelle e un hotel 4 stelle in camera doppia
– Trattamento di pernottamento e prima colazione
– Trasporto bagagli da albergo ad albergo
– Materiale informativo, carte e descrizione dettagliata dell’itinerario
– Assicurazione medico/bagaglio 24 ore su 24
– Supporto telefonico d’emergenza anche il sabato e la domenica
– Quota d’iscrizione

La quota non comprende
– Il viaggio per raggiungere le località di ritrovo e ritorno
– I pranzi e le cene
– Le bevande ai pasti
– Le visite e gli ingressi
– Le mance e gli extra in genere di carattere personale
– Tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Supplementi per persona
Camera singola Euro 169,00
Noleggio bicicletta Euro 80,00
Noleggio bicicletta elettrica Euro 170,00

A richiesta
Assicurazione annullamento viaggio: 5% del costo del viaggio
Notti aggiuntive
Transfer da e per gli aeroporti o le stazioni
Accompagnatore in bicicletta
Preventivi per gruppi precostituiti

Per informazioni e prenotazioni invia una mail a
umberto.spanu54@gmail.com

Langhe relax in bicicletta

Vigneti spettacolari, orizzonti mutevoli segnati da profili di torri, castelli, chiese e villaggi antichi, insieme a una grande tradizione enogastronomica, che rende queste colline un tesoro di sapori. Le brevi tappe giornaliere vi daranno l’opportunità di pedalare con calma, approfittando di ogni sosta per assaporare al meglio questo magnifico territorio.

Programma
1° giorno: arrivo individuale ad Alba

2° giorno: Alba – Manera ca. 24/33 Km
il percorso si snoda interamente tra i vigneti dei più famosi vini della regione. Lungo il percorso si possono fare diverse fermate nei villaggi tipici delle Langhe, in particolare Neive, con il suo castello, e Barbaresco, con la sua torre civica, situato in posizione panoramica sulla valle del Tanaro

3° giorno: Manera – Serralunga ca. 19 Km
Percorso facile, si snoda quasi interamente sulla cresta delle colline, con magnifiche viste dei vigneti, lungo la “strada romantica delle Langhe e del Roero”; lungo la strada avrete numerose occasioni di sosta nei paesi delle langhe e concluderete la giornata presso il castello di Serralunga.

4° giorno: Serralunga – La Morra ca. 22 Km
La tappa inizia con una bella discesa lungo la valle Talloria, alla fine della quale, per chi lo desidera, si può fare una deviazione per visitare il castello di Grinzane; la strada prosegue poi per Castiglione Falletto, quindi Barolo, terra di uno dei più famosi e apprezzati vini del Piemonte, e probabilmente d’Italia, nel cui castello si trovano l’enoteca regionale e il museo del vino. La tappa si conclude a La Morra, una magnifica terrazza adagiata sulle colline delle langhe.

5° giorno: La Morra – Cherasco ca. 19/24 Km
Oggi usciamo temporaneamente dalle Langhe, attraversando il fiume Tanaro, e ci dirigiamo a Cherasco, che vi accoglierà con il suo centro storico arroccato sulla confluenza di due fiumi.

6° giorno: Cherasco – Alba ca. 31 km
Torniamo ad Alba nell’ultima tappa del nostro viaggio. Il percorso vi porterà a Bra (patria del movimento Slow Food, cittadina rinomata per la sua buona cucina) e a Pollenzo, antica colonia romana, oggi sede dell’Università del gusto. A Roddi possiamo fare una piccola deviazione per raggiungere il centro storico, dominato dal castello, prima di arrivare ad Alba.

7° giorno: Alba. Termine del viaggio dopo colazione

Caratteristiche
Tipo di viaggio:  individuale
Partenze:  minimo 2 persone; ogni giorno dal 1 aprile al 1 ottobre
Durata del viaggio:  7 giorni/6 notti
Livello di difficoltà: medio/facile
In parte su piste ciclabili, strade secondarie e alcuni tratti di sterrato in buone condizioni. Le tappe sono corte, ma ondulate con una o più salite ogni giorno.
Km totali:  115/129
Tipo di bici:  city bike o da turismo (mezzo proprio o noleggiato)
Trasporto bagagli da albergo ad albergo:  a cura dell’organizzazione
Possibilità di personalizzare il viaggio  

Quota individuale di partecipazione per l’anno 2020: Euro 605,00

La quota comprende
– Sistemazione in hotel 3/4 stelle e agriturismo con piscina in camera doppia
– Trattamento di prima colazione a buffet
– Trasporto bagagli da albergo ad albergo
– Materiale informativo, carte e descrizione dettagliata dell’itinerario
– Assicurazione medico/bagaglio 24 ore su 24
– Supporto telefonico d’emergenza anche sabato e domenica
– Quota d’iscrizione

La quota non comprende
– Il viaggio per raggiungere le località di ritrovo e ritorno
– Le visite e gli ingressi ai musei
– I pranzi e le cene
– Le mance e gli extra in genere di carattere personale
– Tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Supplementi per persona
Camera singola Euro 177,00
Noleggio bicicletta Euro 110,00
Alta stagione (luglio, settembre, ottobre) Euro 20,00

A richiesta
Assicurazione annullamento viaggio: 5% del costo del viaggio
Notti aggiuntive
Preventivi per gruppi precostituiti

Per informazioni e prenotazioni invia una mail a
umberto.spanu54@gmail.com

Piemonte goloso in bicicletta

Il Piemonte è un vero paradiso per i gourmets. Prestigiosi vini rossi, delizioso cioccolato e dolci paesaggi sulle colline coperti da vigneti; lontano, il magnifico cerchio delle Alpi. Il Piemonte è eleganza e stile. Il migliore esempio è il capoluogo, Torino, prima capitale italiana 150 anni fa, dove l’influenza dello stile francese è molto evidente e per questo motivo Torino è chiamata “piccola Parigi”. La stessa sorpresa si ha arrivando nelle piccole cittadine di Pinerolo e Saluzzo con il loro charme medievale; quindi le Langhe con Bra e Alba, regni dell’enogastronomia: non mancate il piacere di una deliziosa cena con indimenticabili piatti, e nobili vini langaroli come il Barolo o il Barbaresco. Percorrendo le colline del Roero e del Monferrato si arriva a Casale, tranquilla cittadina in riva al Po. In breve, scoprire il Piemonte in bicicletta : una esperienza speciale!

Programma
 giorno Arrivo individuale a Torino
Prima capitale d’Italia, città molto ospitale, Torino è un’ex città industriale che ora, dopo i giochi olimpici del 2006, è diventata una città culturale. Ha 4 fiumi, ci sono molte ciclopiste in città.

 giorno Torino – Pinerolo ca. 51 Km 
Percorso pianeggiante. Da Torino si pedala lungo il Po e piccoli affluenti del Po, su ciclopiste e piccole strade, fino ai piedi delle montagne; si passa a fianco del Borgo medioevale, del castello del Valentino, della Reggia di Stupinigi , residenza reale della ex famiglia Savoia, capolavoro dell’architetto Filippo Juvarra in stile rococò; poi di parco in parco, sempre lungo i fiumi, si raggiunge Pinerolo su una strada veramente carina. La notte si passa nella deliziosa Pinerolo, dove in passato ci fu la più famosa scuola di cavalleria in Italia.

3°giorno Pinerolo – Cavour – Saluzzo ca. 46 Km
Percorso pianeggiante. Lungo strade all’interno di frutteti e vigneti si raggiunge Cavour con la sua curiosa “Rocca”, una collina morenica situate in mezzo alla pianura, attualmente area protetta. Notte a Saluzzo, città medievale.

4° giorno Saluzzo – Fossano – Benevagienna – Bra/Cherasco ca. 63/69 Km
Oggi il percorso è medio/facile, ci sono alcune salite dopo Fossano. Sul percorso si potranno visitare i castelli della Manta e di Costigliole, l’antica cittadina romana di Benevagienna e la sua area archeologica. Si arriva a Cherasco (sette secoli di storia e arte) oppure a Bra (la capitale italiana del gusto, dove ha sede l’organizzazione “Slow Food”).

5° giorno Bra/Cherasco – Pollenzo – Barolo – Alba ca. 39/45 – 55/61 Km
Giorno medio/facile oppure completamente pianeggiante, siamo nelle Langhe. A Pollenzo, la romana Pollentia, c’è l’Università del Gusto. Si pedala verso Alba lungo il fiume Tanaro perfettamente pianeggiante ma a metà strada ci sono alcune facili salite per raggiungere Barolo, nel cui castello sede dell’enoteca regionale è possibile degustare il famoso omonimo vino. Notte ad Alba, la città del tartufo bianco e delle case torri. In alternativa, per gli sportivi, è possibile fare il giro delle Langhe, Bra – La Morra – Grinzane – Alba.

6° giorno Alba – Asti ca. 45/55 Km
Percorso medio facile. Oggi siamo nell’area del Roero. Sul percorso si trovano i castelli di Guarene e Cisterna, quest’ultimo sede di un museo contadino. Notte ad Asti, cittadina veramente ricca di storia, famosa per il vino spumante ed il Palio.

7° giorno Asti – Casale ca. 56 Km
Difficoltà media. Pedaliamo nelle affascinanti colline del Monferrato, anch’esso parte del sistema di colline su cui poggiano i vigneti. Da Moncalvo si può godere di una meravigliosa vista. Nel pomeriggio si raggiunge Casale, città barocca ai piedi delle colline del Monferrato, lungo la riva del Po.

8° giorno Casale. Termine del viaggio dopo colazione

Caratteristiche
Tipo di viaggio:  individuale
Partenze:  minimo 2 persone; ogni sabato dal 28 marzo al 26 settembre; altre date a scelta: con un minimo di 4 persone o con supplemento di 50 euro a persona con meno di 4 persone
Durata del viaggio: 8 giorni/7 notti
Livello di difficoltà: medio/facile
Facile la prima parte e medio/facile la seconda parte; ciclopiste e strade a basso traffico; alcune strade sterrate in buone condizioni; pianeggiante da Torino a Fossano; alcuni leggeri dislivelli nelle Langhe fino a Barolo e nel Monferrato da Alba a Casale.
Km totali:  306/332
Tipo di bici  city bike o da turismo (mezzo proprio o noleggiato)
Trasporto bagagli  da albergo ad albergo: a cura dell’organizzatore
Incontro informativo/briefing nel primo hotel 
Possibilità di personalizzare il viaggio  
Possibilità di trasformazione in viaggio con accompagnatore  

Quota individuale di partecipazione per l’anno 2020: Euro 725,00

La quota comprende
– Sistemazione in camera doppia in hotel 3/4 stelle in camera doppia
– Trattamento di pernottamento e prima colazione
– Trasporto bagagli da albergo ad albergo
– Incontro in hotel a Torino
– Materiale informativo, carte e descrizione dettagliata dell’itinerario
– Assicurazione medico/bagaglio 24 ore su 24
– Supporto telefonico d’emergenza anche sabato e domenica  
– Quota d’iscrizione

La quota non comprende
– Il viaggio per raggiungere le località di ritrovo e ritorno
– I pranzi e le cene
– Le bevande ai pasti
– Le visite e gli ingressi
– Le mance e gli extra di carattere personale
– Tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Supplementi per persona
Mezza pensione Euro 189,00
Camera singola Euro 215,00
Noleggio bicicletta Euro 90,00
Noleggio bicicletta elettrica Euro 170,00
Supplemento alta stagione (settembre, ottobre) Euro 10,00 in doppia Supplemento alta stagione (settembre, ottobre) Euro 20,00 in singola
Degustazioni a richiesta
Casco Euro 5,00
Trasferimento da Casale a Torino a fine tour Euro 25,00/35,00
(da pagare in loco) secondo il numero di persone
inclusa la propria bicicletta

A richiesta
Assicurazione annullamento viaggio: 5% del costo del viaggio
Notti aggiuntive a Torino, Casale, Alba (prenotabili in ogni cittadina del percorso)
Parcheggio auto a Torino
Accompagnatore in bicicletta
Preventivi per gruppi precostituiti

Per informazioni e prenotazioni invia una mail a
umberto.spanu54@gmail.com